Se si sta utilizzando Internet Explorer premere, in alternativa al pulsante, il seguente link Copertina

Cerca nel blog

giovedì 28 gennaio 2016

Viaggio in Danimarca - 5° parte - La Regina Margherita II° ed il cambio della guardia.

Passeggiando per Copenaghen mi sono imbattuta in un plotone di guardie reali che marciavano a passo veloce verso la corte della Regina Margherita II.
Ho deciso di seguirli per partecipare al cambio della guardia che avviene ogni giorno alle dodici in punto presso il Castello di Rosemborg, residenza invernale della famiglia Reale;
un grande palazzo in stile Rococò di forma ottogonale al centro del quale si trova la statua equestre di Federico V°, in posa come un imperatore romano; quella statua  è considerata tra le più importanti al mondo;
l'opera è dello scultore  francese Jacques Saly che diresse anche l'Accademia di Copenaghen. Il cambio della guardia è una cerimonia molto bella che piace al turista, infatti vi partecipano ogni giorno centinaia di persone incuriosite e speranzose di incontrare la Regina;

vi sono diverse postazioni intorno alla residenza ed ogni nicchia è presidiata da una guardia in divisa; fa spicco il grosso cappello piumato, mentre la divisa ha la giacca blu con tanto di bottoni d'oro ed i pantaloni sono azzurri con una striscia verticale bianca laterale.
Continuando la passeggiata lungo Copenaghen arrivo al porto; distrattamente calpesto un red carpet, steso fino alla banchina.
Intorno a me, un tripudio di fiori e di personalità della Marina, in alta uniforme. Che sarà mai questa cerimonia? Cerco di capire, mi informo e scopro che la Regina Margherita, con tutta la famiglia Reale, si trova sulla nave reale in vacanza; la nave reale è ormeggiata al largo del porto di Copenaghen.

Quando deve fare delle visite di Stato o partecipare ad incontri diplomatici, la Regina viene accompagnata a terra dalla barchetta reale e molto elegantemente saluta tutto il pubblico e stringe le mani di tutti.
Appena poggia il piede a terra un generale della marina le porge un bouquet di fiori e lei fa la vezzosa con quel suo cappellino a larghe falde.
Alla fine del tappeto l'aspetta una Mercedes di grossa cilindrata ed il suo autista che gentilmente le apre la portiera, l'accompagna, tra gli applausi dei presenti, nelle sue missioni istituzionali.
Il pomeriggio settembrino volge al termine, il sole accompagna  i suoi raggi verso il tramonto e la brezza marina si fa più pungente.


Nessun commento:

Posta un commento