Se si sta utilizzando Internet Explorer premere, in alternativa al pulsante, il seguente link Copertina

Cerca nel blog

martedì 1 maggio 2012

La Seta di mare o il Bisso di mare di Chiara Vigo


A Sant'Antioco, nel sud Sardegna, nasceva, 57 anni fa, Chiara Vigo, la maga del bisso di mare. Questa donna porta avanti una tradizione millenaria che risale ai Fenici,  realizzando  un singolare tessuto, detto Bisso, ottenuto dalla lavorazione dei filamenti della cozza. E' una fibra molto pregiata ed il suo colore cambia secondo l'esposizione al sole e va dall'ambrato all'oro.

Chiara Vigo rispetta il bisso come forma vivente evitando lo strappo dal fondale; ella,  studiando la vita del mollusco, ha scoperto che vi è un periodo dell'anno dove i fondali si fanno più morbidi ed è più facile estrarre il bisso senza ferire la natura. Anticamente i pescatori pescavano tanto e si potevano avere a disposizione grandi quantità di prodotto che serviva per realizzare abiti di pregio inestimabile per Papi, Regine e Capi di Stato. Oggi  la signora Vigo, riesce ad ottenere 600 grammi di prodotto all'anno da un banco di pinne in età adulta. La seta va dissalata per almeno 25 giorni cambiando ripetutamente l'acqua, fino a completa dissalatura, quindi filata secondo criteri millenari e poi ridotta in sottili fili che col ricamo danno vita ad immagini singolari, che parlano di Sardegna.


Chiara Vigo è l'unica persona in Europa e nel mondo, che ancora lavora il "Bisso di mare" e per via del "Giuramento del Bisso" non può guadagnare nulla dai suoi lavori, che vengono ceduti al Museo di Sant'Antioco, dove la gente incuriosita, accorre numerosa.



Quindi ci domandiamo come viva un'artista di così grosso spessore. Il Museo vive di piccole donazioni spontanee.
                                                                                                                                                                                                                                



Nessun commento:

Posta un commento